Cookies

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. You can change your cookie settings at any time. Otherwise, we'll assume you're OK to continue.

Durham University

School of Education

Research Projects

Publication details

Ganassin, S. & Holmes, P. (2013). Multilingual Research practices in Community Research: The case of Migrant/Refugee Women in North East England. International Journal of Applied Linguistics 23(3): 342-356.

Author(s) from Durham

Abstract

Researching in communities where the research participants are multilingual raises questions about research design and practice. This paper illustrates post-research reflections of a study of multilingual women from ethnic minority migrant/refugee/asylum-seeking backgrounds living in the North-East of England. The study involved 68 women speaking more than 25 languages, and 17 researchers, including volunteers, most of whom were multilingual. The analysis revealed the importance of flexible multilingualism in the project design – from inception, to choice of research instruments, data generation processes, analysis and write-up – to accommodate participants' (and researchers') asymmetric multilingual practices. These multilingual research practices, often under-discussed in research methodology, have implications for the authenticity and trustworthiness of the research outcomes, especially among marginalized, vulnerable, and disadvantaged groups.

Condurre ricerca all'interno di comunità di minoranza-etnico-linguistica dove i partecipanti sono multilingue suscita diversi interrogativi in termini di pianificazione e pratica/implementazione della ricerca stessa. Il seguente articolo espone una serie di riflessioni post-ricerca basate su uno studio avente come oggetto donne con competenze multilingue residenti nel nord est dell'Inghilterra ma con storie personali di immmigrazione e asilo politico. Lo studio discusso ha coinvolto 68 donne parlanti oltre 25 lingue e 17 ricercatori, inclusi ricercatori-volontari, per la maggior parte aventi competenze multilingue. L'analisi proposta nell'articolo rivela l'importanza di un multilinguismo flessibile a livello di progettazione e implementazione-inclusi scelta di strumenti di ricerca, processo di generazione dei dati, analisi e produzione del rapporto di fine ricerca-funzionale ad accomodare le competenze linguistiche assimmetriche di partecipanti (e ricercatori). Tali pratiche di ricerca multilingue, spesso solo parzialmente discusse a livello di metodologia di ricerca, presentano implicazioni in termini di autenticità e attendibilità dei risultati della ricerca stessa, specialmente quando questa sia condotta all'interno di gruppi vulnerabili e disavvantaggiati.

School of Education